Gnanca i tornadi …

Numero progetto: 11
Progetto: #Gnancaitornadi
Regione: Riviera del Brenta
Numero beneficiari: comuni e famiglie colpite
Scopo: raccogliere fondi per la ricostruzione
Stato del progetto: CONCLUSO

CAMPAGNA DI SOLIDARIETÀ IN FAVORE DELLE FAMIGLIE COLPITE DAL TORNADO IN VENETO DELL’8 LUGLIO 2015

Una tromba d’aria ha travolto, nel pomeriggio di ieri, le zone della riviera del Brenta tra Dolo e Mira, in provincia di Venezia. Un uomo è morto e 92 persone sono rimaste ferite. Almeno centocinquanta persone sono state costrette a passare la notte fuori casa per i danni provocati dalla forza del vento e della pioggia.

IMG_9624Sono decine le case scoperchiate, gli alberi sradicati, i veicoli finiti nei canali. Numerose dimore storiche danneggiate e la Villa Santorini Toderini Fini addirittura completamente rasa al suolo. La stessa sorte è toccata a diversi capannoni industriali dei grandi marchi italiani, che hanno sede nella zona. I sindaci locali hanno già valutato danni per milioni di euro.

Secondo la scala Enhanced Fujita, che va da 1 a 5, era un tornado F4, uno dei più intensi mai verificatisi. Secondo tale scala la velocità del vento, stimabile in base ai danni riscontrati, è compresa tra 270 e 320 km/h, in pratica una media di 300 orari. Lungo tutta la penisola tornado così violenti sono rarissimi, quello considerato più violento della storia, un evento di categoria F5, ha colpito sempre il Veneto (4 luglio 1930), a Volpago del Montello, e sradicò una chiesa intera.

Villa Fini, diventata un simbolo di questa tragedia, è stata lentamente sbriciolata dai venti e dal volo delle macerie che hanno cancellato in meno di un’ora una storia di quattro secoli.

Sono oltre 150 gli sfollati che hanno trovato riparo dai famigliari o negli alberghi che hanno messo a disposizione stanze libere.

In molte è mancata l’energia elettrica e a fare luce ci hanno pensato i fari dei mezzi di soccorso o i telefonini. Attorno l’inferno: alberi sradicati, auto distrutte, vetri in frantumi,marciapiedi sollevati, oggetti di ogni tipo trascinati dal vento, una pedana di accesso per disabili volata via come se fosse di carta nonostante il peso di 12 quintali.

Nonostante la brutalità degli eventi i delinquenti non si sono fatti attendere e appena tre giorni dopo due sciacalli rom intenti a rubare tra le macerie sono stati arrestati dai carabinieri di Dolo, sorpresi  a bordo di un furgone carico di materiale rubato dalle case colpite dalla tragedia.

La macchina della solidarietà o l’operosità veneta si sono comunque già messe in moto. La Regione Veneto, il comune di Dolo e altri hanno aperto conti correnti dedicati e centinaia di volontari si sono in questi giorni adoperati per pulire e sistemare e in sole quarantott’ore la Riviera ha già cambiato faccia.

IMG_0152

nnn

Rassegna Stampa:

L’orgoglio e la solidarietà, in quarantott’ore i veneti hanno cambiato faccia alla Riviera
(Corriere del Veneto, 11 luglio 2015)

Riviera devastata: “Ho pianto”
(Il Gazzettino, 11 luglio 2015)

La sciagura non spazza via la speranza. Due coppie si sposano tra le macerie
(Corriere del Veneto, 12 luglio 2015)

Villa Fini, raccolta fondi mondiale
(Corriere del Veneto, 12 luglio 2015)

L’attacco della Sicilia: “Sfruttate il tornado”
(La Tribuna, 13 luglio 2015)

L’appello di Zaia: “Aiutateci, qui è come dopo Katrina”
(Corriere della Sera, 13 luglio 2015)

Banca Mediolanum consegna 500.000 euro in liberalità a favore dei clienti colpiti dalla tromba d’aria
(Venezia Today, 13 luglio 2015)

Buttafuoco: “Da siciliano dico che i soldi dovrebbero andare ai veneti”
(Corriere del Veneto, 14 luglio 2015)

Veneto, danni oltre i 100 milioni
(Il Sole 24 Ore, 14 luglio 2015)

blasco

Blasco tra le macerie, fa una donazione
(La Tribuna, 14 luglio 2015)

Il conto dei sindaci a Renzi: danni per oltre 230 milioni
(La Tribuna, 15 luglio 2015)

rivale

Negozio distrutto, la “rivale” le aiuta
(Il Gazzettino, 15 luglio 2015)

Compleanno tra le macerie e Gaja fa il primo sorriso dopo lo choc del tornado
(Corriere del Veneto, 19 luglio 2015)

Festaloonga fa il pienone e aiuta la Riviera del Brenta
(La Tribuna, 19 luglio 2015)

Dalla Fenice a Zelig e Skardy. Tornado, solidarietà in scena
(Corriere del Veneto, 21 luglio 2015)

Portoguraro: il gettone di presenza dei consiglieri alla popolazioni colpite dal tornado
(Il Gazzettino, 23 luglio 2015)

Mira protesta: “Privati più generosi dello Stato”
(Il Gazzettino, 24 luglio 2015)

IMG_0098

L’azienda e la casa rase al suolo ma paga 3.500 euro di acconto irpef
(La Tribuna, 24 luglio 2015)

Renzi copre d’oro la Sicilia: niente soldi al Veneto ferito
(Il Giornale, 28 luglio 2015)

nnn

Cosa puoi fare tu:

tshirt

– acquistare la maglietta “Gnanca i tornadi i ne fa spaventa” … il tuo contributo di minimo €15 verrà interamente devoluto a favore delle famiglie e della ricostruzione. E’ sufficiente inviare il bonifico su IT67L0308301607000000015133 con la causale “tshirt gnanca i tornadi” e una mail a beloverevolution[at]gmail.com specificando la taglia richiesta (La t-shirt sarà spedita all’indirizzo indicato (+6€ per poste italiane) ovvero ritirarla a Montebelluna o Treviso, presso la sede dell’associazione) … oppure cliccando su “shop

– effettuare una donazione (deducibile dal reddito) sul conto corrente IT67L0308301607000000015133 intestato a LOVE onlus con la causale “gnanca i tornadi”

kkk

Sportello trasparenza:

Il costo delle prime 100 t-shirt prodotte è a completo carico di LOVE, così che il ricavato presunto di 1.500€ (100 pezzi *15€ l’uno) sarà completamente bonificato cui conti correnti dei comuni colpiti.

RESOCONTO CONCLUSIVO AL 26.03.2016:


clicca qui e visualizza le contabili di avvenuto bonifico (i bonifici alle famiglie, per ragioni di privacy, sono stati omessi):
(20.07.2015) al Comune di Mira, al Comune di Dolo e al Comune di Pianiga
(21.07.2015) al Comune di Mira, al Comune di Dolo e al Comune di Pianiga
(22.07.2015) ricevuta di consegna all’Assessore Daniele Masiero del Comune di Salzano
(12.08.2015) al Comune di Mira, al Comune di Dolo e al Comune di Pianiga

Un grande grazie a: Maria e Agusto di Torino, Barbara e Paolo di Treviso, Elena di Soave, Aldo di Reggio Emilia, Alessandro di Stra, Riccardo di Torino, Laura di Agrigento, Alessandro di Treviso, Vittorina e Pierangelo di Treviso, Mattia di Gambugliano (VI), Rino di Verona e Silvia di Treviso, Annalisa di Treviso, Roberto di Riva del Garda, Cristiano di Treviso, Ilaria di Bassano del Grappa, Barbara di Padova, Maria di Noale, Anna di Camponogara, Alberto di Montebelluna, Denis di Torrebelvicino (VI), Matteo di Treviso, Diego di Urbania, Claudio e tutti gli amici di Schio, Marco di Abano Terme, Antonio ed Elena di Montebelluna, Stefano di Busto Arsizio, Simone ed Eri di Salzano, Giorgio di Novara, Diego di Merano, Dejan di Verona, Daniele di Treviso, Francesca di Sona, Giorgio di Mira, Gianluca e Giulio di Padova, Alberto di Volpago, Rachele di Torino, Antonella di Casacorba, Andrea di Verona, Jules di Mira, Marco e Mirko di Mestre, Walter di Arco, Annalisa di Pellegrina, Davide di Vigasio, Andrea di Noacle, Laura di Montebelluna, Alessandra, Fernanda e Rosalia di Treviso, Alberto di Treviso, Giorgio di Cembra, Marina di Camminano Vicentino, Gian Luca di Cazzago di Pianiga, Cristina e Annachiara, Luca di Monfumo, … Banca Mediolanum e Polo Caffè di Trevisokkk

Foto:

mandaci la foto con la tua maglietta o pubblicala sui tuoi social con l’hashtag #gnancaitornadi :)

11742718_1612396852347711_4611233143637411126_n-2 11755836_10207452434454340_788502257766393929_n 17000_10206163532281760_9132284355316922834_n 11780390_10206152047538279_932705542_n Alessandro Baggio Mattia Zenere ipp IMG_5593 IMG_5840 IMG_5245 11811384_1621465541465346_8155736729070457271_n

INFO: beloverevolution[at]gmail.com

Footer