La Crimea che (forse) non è il Kosovo

di Massimo Fini

La vicenda che più si avvicina a quanto sta accadendo in Crimea è quella del Kosovo, come qualcuno ha notato finalmente anche in Italia (Riccardo Pelliccetti, Il Giornale, 12/3). In Kosovo gli albanesi, divenuti maggioranza negli ultimi decenni, reclamavano la secessione dalla Serbia. Gli indipendentisti, foraggiati e armati dagli americani, facevano guerriglia e anche uso di terrorismo, l’esercito serbo e le milizie paramilitari (‘le tigri di Arkan’) rispondevano con durezza. C’erano due ragioni a confronto: quella degli indipendentisti albanesi e quella della Serbia a conservare l’integrità dei propri confini. Gli americani decisero che le ragioni stavano solo dalla parte degli indipendentisti e per 72 giorni bombardarono una grande città europea, Belgrado, capitale di un Paese, la Serbia, che, fra le altre cose, aveva il grave torto di essere rimasto l’unico paracomunista in Europa. I morti sono stati 13 mila, 5500 sotto le bombe il resto negli scontri che ci furono in Kosovo fra albanesi e serbi.

massimo_fini_03Nel 2008 gli albanesi proclamarono unilateralmente l’indipendenza che non è da tutti riconosciuta giuridicamente ma lo è di fatto. Nel frattempo in Kosovo si è realizzata la più grande ‘pulizia etnica’ dei Balcani, dei 360 mila serbi che ci vivevano ne sono rimasti 60 mila.

Fra la vicenda della Crimea e quella kosovara ci sono però alcune differenze. Il Kosovo, considerato ‘la culla della patria serba’, appartiene da secoli, storicamente e giuridicamente, alla Serbia, la Crimea fa parte dell’Ucraina solo da qualche decennio, gentile regalo di Kruscev all’interno della Federazione sovietica. La Crimea, abitata in maggioranza da russi o da russofoni, confina con la Russia. L’America, con tutta evidenza, non confina col Kosovo, sta a diecimila chilometri di distanza. Il democratico Bill Clinton per spiegare ai suoi connazionali le ragioni dell’intervento dovette prendere una carta geografica e indicare dove mai fosse questo Kosovo di cui gli americani ignoravano l’esistenza. L’aggressione americana alla Serbia non aveva alcuna giustificazione, nè materiale nè, tantomeno, giuridica e infatti l’Onu non l’avallò.

Insomma pare difficile sostenere che la violazione della sovranità dell’Ucraina è «illegittima», mentre quella della Serbia, che aveva molte meno giustificazioni, anzi nessuna, invece non lo è.

Gli americani hanno anche sostenuto che il referendum sull’indipendenza della Crimea «viola la Costituzione dell’Ucraina». Ma spetterà o no agli ucraini decidere se un referendum all’interno del proprio Paese viola o no la loro Costituzione? O spetta agli americani?

Intanto mentre gli F-35 e gli Awacs della Nato volano minacciosi per i cieli dell’Europa dell’Est, il Corriere si chiede, comicamente, se per caso «non sia cambiata la sua natura». Il Patto Atlantico nasce come mutuo soccorso ogni volta che sia «minacciata l’integrità territoriale, l’indipendenza politica o la sicurezza» di uno dei Paesi membri. Era quindi un Patto difensivo, ma è da quel dì che, violando il suo stesso statuto, si è trasformato in offensivo. Minacciava forse qualche Paese della Nato la Serbia di Milosevic? O l’Iraq di Saddam? O la Libia di Gheddafi? La Nato è diventata semplicemente «il poliziotto del mondo». Chi gliene abbia dato la patente non si sa.

Il Fatto Quotidiano, 15 marzo 2014

 

http://www.massimofini.it/articoli/la-crimea-che-forse-non-e-il-kosovo

 

#Crimea #Kosovo

Footer