Kosmet. Quei monasteri servi circondati dagli albanesi

Cinque anni dopo, lo stato è pienamente indipendente. Ma la ferita dell’Europa è ancora aperta, per chi è fuggito e per chi è rimasto inviso al potere. Viaggio nel paese nato dalla spartizione “etnica”.

Un interessante articolo de “Il Venerdì di Repubblica”

[clicca qui per il pdf]

Footer