L’urlo del Kosovo

Vogliamo inaugurare questa nuova sezione del sito con il volume di Alessandro Di Meo, volontario nelle vicende di Kosovo e Metochia. Una testimonianza dei drammi quotidiani delle enclavi visti attraverso la sensibilità e la profonda conoscenza della situazione dell’autore, da anni impegnato in progetti di solidarietà nella regione (tra cui ricordiamo anche il Progetto H2O).

 

 

Storie vere da cui è impossibili fuggire.
L’urlo che la propaganda non riesce a coprire.
Voci che spezzano il coro allineato del pregiudizio
che è letale per le persone tanto quanto le scorie
della “guerra umanitaria”.


Il Libro
Il libro vuole essere una denuncia del dramma vissuto da migliaia di persone, in prevalenza serbe, cacciate da quella terra, il Kosovo e Metohija, dove hanno da sempre vissuto e convissuto con altre etnie. Le ingerenze esterne dovute a interessi di potere, politici e, soprattutto, malavitosi, hanno tolto la parola alle persone per consegnarla alla propaganda e alla menzogna.
L’autore, attraverso le storie narrate, cerca di spostare l’attenzione sui veri protagonisti della triste e drammatica vicenda: le persone in carne e ossa, facendosi testimone della loro tragica vicenda per una ricostruzione dei fatti meno condizionata da propaganda e luogo comune.

Il DVD
Il documentario è un viaggio tra le conseguenze dei bombardamenti che nel 1999, per 78 giorni, hanno colpito quel che rimaneva della Jugoslavia. A oltre 10 anni di distanza, i problemi e le contraddizioni che la cosiddetta “guerra umanitaria” voleva risolvere si sono, in realtà, moltiplicate. L’insorgere di malattie sempre più gravi, dovute a inquinamento ambientale e uso indiscriminato di uranio impoverito; la chiusura delle fabbriche con conseguente perdita del posto di lavoro; la drammatica situazione dei serbi rimasti nei villaggi del Kosovo, di fatto ghettizzati; lo stato dei monasteri ortodossi, patrimonio culturale e storico dell’umanità, a rischio distruzione. Un viaggio nella Serbia di oggi, ancora troppo devastata nel cuore e nell’anima.

Durata: 52′

 

sul sito di Un Ponte Per

Footer