Ban Ki Moon tra chiarimenti e incendi

Trento, 16 luglio 2012 12:31 – (BeLoveRevolution) – Il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki Moon si recherà in Kosovo  “in accordo alla risoluzione 1244″ del Consiglio di sicurezza. Lo ha garantito il Segretario in un incontro con i giornalisti. E’ la prima visita di un Segretario nella Regione dopo le guerre che hanno sconvolto i Balcani negli anni ’90 e, in considerazione dei “confini” attuali e della situazione della regione, autoproclamatasi indipendente dalla Serbia nel 2008, il Segretario ha voluto richiamare immediatamente la risoluzione delle Nazioni Unite che riconosce la regione come parte integrante del territorio della Repubblica di Serbia. Una precisazione richiesta anche dal neoeletto presidente serbo Tomislav Nikolic.

Nonostante ufficialmente si tratti quindi di una “visita alla missione Onu in Kosovo (Unmik)”, Ban Ki Moon incontrerà anche il “presidente della Repubblica”, Atifete Jahjaga, il “premier” Hashim Thaci e il presidente del Parlamento, Jakup Krasniqi.

Il Segretario durante la permanenza della regione visiterà anche il monastero di Decani.

La visita del Segretario, che auspica un maggiore dialogo tra Belgrado e Pristina, è di poco successiva all’infame atto che alcuni sconosciuti hanno compiuto nei dintorni della cittadina di Obilic, dando fuoco a una fossa comune di serbi in cui esperti di Eulex stanno compiendo indagini per recuperarne i poveri resti da restituire alle famiglie.

Footer