“A Nord non c’è sicurezza” lettera aperta dei serbi a Ban Ki Moon

Treviso, 20 luglio 2012 12:54 – (BeLoveRevolution) – In occasione della visita del Segretario Generale dell’UNO Ban Ki Moon in Kosovo, la comunità serba del nord della regione ha invito una lettera aperta denunciando la sofferenza e le angherie alle quali tutta la popolazione è quotidianamente sottoposta.

Da inizio anno sono state decine le aggressioni e le violenze subite dai serbi di Kosovo e Metochia ed è solo di qualche giorno fa la notizia dell’esecuzione di una coppia di serbi nella loro casa con un colpo alla nuca. Una situazione di costante pressione e intimidazione che i quattro sindaci delle municipalità del nord (Kosovska Mitrovica, Zvecan, Zubin Potok e Leposavic) hanno deciso di denunciare apertamente con una lettera al Segretario.

Proprio l’ONU, in accordo con la risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza, riconosce la regione come parte integrante della Serbia e impone il disarmo della popolazione. Cosa mai avvenuta in realtà.
Footer