Kosovo. Inchiesta su traffico d’organi nella fase finale

Sacile, 28 gennaio 2012 8:15 – (BeLoveRevolution) – Sta entrando nella fase finale, anche se tra difficoltà e intoppi, l’inchiesta sul traffico degli organi umani in Kosovo. L’accellerazione, dopo anni di stagnazione, è stata imposta dall’entrata in scena della Russia che, versola metà dell’anno scorso, ha aperto un’inchiesta in riferita ad alcuni cittadini russi scomparsi.

L’inchiesta è stata a lungo ferma a causa di varie forme di ostruzione, cosa in genere taciuta da EULEX (la missione europea per il ripristino della legalità in Kosovo), limitandosi ad ammettere che ci sono problemi seri nella protezione dei testimoni.

Un cittadino canadese, Raul Fain, nel frattempo si è reso disponibile a testimoniare. A Fain sarebbe stato trapiantato un rene a Pristina, dopo aver pagato 87mila euro. Le prove raccolte finora, secondo la stampa russa, indicano che la “clinica della morte” avrebbe comprato da serbi, turchi, moldavi, kazakistani, bielorussi e russi, reni per 15mila euro al pezzo. Di fatto non pagando nessuno di loro, e rivendendo gli organi sul mercato nero per un prezzo variabile tra gli 80 e i 100mila euro. L’inchiesta russa si occupa anche degli avvenimenti accaduti una decina di anni prima, nella cosiddetta Casa gialla nel nord dell’Albania, e delle scomparsa di 300 serbi, rom e cittadini di altri paesi.

Le prove raccolte finora potranno difficilmente essere smentite dai sospettati principali nello scandalo Medicus, da alcuni albanesi kosovari, dagli ex impiegati nella clinica, dai dottori turchi e israeliani, e da Iljir Recaj ex alto funzionario del ministero kosovaro della salute. L’inchiesta russa conferma d’altra parte che è impossibile separare lo scandalo Medicus, scoperto nel 2008, dallo scandalo della Casa gialla in Albania, dove venivano esportati e venduti gli organi dei serbi kosovari e dei rom rapiti nel 1999. Tutto si svolgeva secondo lo stesso principio e in entrambi i casi vengono menzionati l’attuale premier kosovaro, Hashim Thaci.

Leave a Reply

Footer