Riparte la gara di solidarietà di LOVE (Messaggero Veneto, 10 dicembre 2011)

2011 12 10 - Messaggero Veneto - cena PN
di Manuela Boschian

Posti a tavola tutti occupati, l’altra sera al Pnbox di Torre di Pordenone, per la cena di beneficenza organizzata dall’associazione di volontariato LOVE (www.beloverevolution.org). L’iniziativa rientra nel progetto di solidarietà internazionale “Accendiamo la speranza” a favore delle minoranze del Kosovo. Quanto ricavato servirà ad acquistare macchinari medici e materiale didattico per l’ospedale di Silovo e la scuola elementare di Osojane, nelle province di Kosovo e Metochia. La serata, oltre a proporre un menù tipicamente balcanico, ha visto accompagnare le varie portate dal video girato dai volontari pordenonesi in occasione del loro ennesimo viaggio in Kosovo per consegnare quanto raccolto grazie alla generosità di tanti concittadini.

«Come detto di recente in queste pagine – su come siamo stati accolti, in particolare dai bambini – affermano i volontari di LOVE –, si potrebbero scrivere pagine. Ma basta un’unica testimonianza: nelle enclavi serbe in Kosovo vi sono bambini nati nel 1999 che non hanno mai varcato le loro quattro mura. Si è liberi di uscire, ma a proprio rischio e pericolo. La guerra è finita da oltre dieci anni, ma ritorsioni, soprusi e violenze contro le minoranze sono all’ordine del giorno. Le carenze che impediscono di vivere un’esistenza normale e dignitosa sono innumerevoli, e quello che c’è viene continuamente sottratto, danneggiato, sabotato. Lo stesso vale per i religiosi del monastero di Visoki Decani, dal 2004 patrimonio dell’umanità Unesco: i monaci (una trentina) escono solo scortati, altrimenti sono bersaglio di aggressioni e attentati».

Da Pordenone, il prossimo viaggio partirà ad aprile: poco più di tre mesi per mettere assieme un altro carico di speranza. Intanto, si tirano le somme: in tre viaggi sono stati forniti due generatori da 20 kWh per rendere autosufficienti l’ospedale di Silovo e l’elementare di Osojane; computer per realizzare due aule informatiche (a Osojane e Vrbovac) e altri donati alle famiglie con studenti; realizzata un’aula multimediale (proiettore, telo, casse e lettore dvd) nella scuola di Osojane; donati medicinali e materiale sanitario all’ospedale di Silovo e al distretto sanitario di zona, nonchè materiale scolastico, sportivo e giocattoli.

Ulteriore obiettivo, contribuire alla costruzione di pozzi artesiani, in quanto le enclavi sono molto spesso prive, oltre che di elettricità, di acqua. Un pozzo costa circa 800 euro: con la cena dell’altra sera, il primo è fatto, ma ne servono molti altri. Chi volesse contribuire può farlo con una donazione sul conto corrente IT23X0316501600000011715133 intestato a Love con causale “donazione Accendiamo la Speranza”; inviando mail o lettera di sostegno a beloverevolution@gmail.com oppure a Love, via Albola 1, 38066 Riva del Garda (Trento); destinando il 5×1000 a Love, presieduta da Fabio Franceschini e capofila del progetto, indicando sulla dichiarazione dei redditi o Cud il codice 93020010224. Infine, per informazioni i telefoni sono 335-7022607 oppure fax 0464-662976.

clicca qui per:
  • il promo realizzato da PNbox
  • il video realizzato durante la serata di beneficenza del 1° dicembre

Leave a Reply

Footer