Kosovo. Nuove barricate a Jagnjenica

E’ LA RISPOSTA DEI SERBI ALLE VIOLENZE DELLA KFOR DI DUE GIORNI FA

Kosovska Mitrovica, 1 dicembre 12:09 – (BeLoveRevolution) – Solo tre giorni fa gli ultimi gravi scontri tra serbi e forze internazionali nel nord del Kosovo che hanno visto più di 60 manifestanti serbi feriti e ricoverati in ospedale a seguito dell’uso di proiettili di gomma e spray urticante dai militari impegnati nell’occupazione del nord della regione.

A poco sono servite le esortazioni del presidente serbo Boris Tadic a rimanere calmi e rimuovere le barricate: nel nord i serbi del Kosovo hanno risposto costruendo tre nuove barricate nel villaggio di Jagnjenica e rafforzando quella nel villaggio di Dudin Krs.

Sono in tutto 19 le barricate nel Kosovo e Metochia al momento.

Alcune delle quali visitate dai nostri volontari proprio nei giorni scorsi nel corso di una missione esplorativa appena conclusa. «Abbiamo trovato una situazione molto tesa, molto peggio dello scorso agosto» afferma Fabio Franceschini, appena rientrato da Kosovoska Mitrovica «Le barricate rimangono l’unica, e forse ultima, speranza a cui queste persone si aggrappano. Difendono le loro tradizioni e la loro terra, ma sono abbandonati dal mondo e, sembra oramai certo, anche dal Governo della Serbia. E’ molto triste».

Il comandante della KFOR Nobs Dario si incontrerà oggi a Jagnjenica con i responsabili dei villaggi serbi per cercare di trovare una soluzione pacifica alla crisi.

Clicca qui per un video tremendamente fazioso della Kfor degli scontri (e la risposta russa)

Leave a Reply

Footer