ex ufficiale Kfor: “Abbiamo nascosto la pulizia etnica dei serbi”Kristijan Kaš, bivši oficir Kfora, napustio misiju i prešao na barikade. Skrivali smo etničko čišćenje 250.000 Srba i drugih

Christian Kahrs, un ex ufficiale della missione Kfor ha lasciato la missione e se ne andato alle barricate. “Abbiamo nascosto la pulizia etnica di 250.000 serbi e delle altre minoranze in Kosovo”.

Trieste, 5 nov 2011 16:31 – (BeLoveRevolution) – «I nostri obblighi ai sensi della risoluzione 1244 e dell’Accordo tecnico-militare era quello di proteggere i serbi dalle rappresaglie albanesi, ma in realtà abbiamo completamente fallito» dice Kahrs per “Novosti”  «Durante il tempo in cui siamo stati responsabili per la sicurezza in Kosovo, se ne sono andati circa 250.000 serbi e altri non-albanesi. Quindi, come un ex ufficiale della KFOR sento in dovere di chiedere scusa».

Kahrs dice che prima di venire in Kosovo ha trascorso molto tempo di apprendimento sul Kosovo presso l’Istituto norvegese di affari internazionali: «Il mio mentore anche allora mi diceva che il bombardamento della Jugoslavia era stato un errore catastrofico e che la mafia albanese era protagonista della maggior parte delle operazioni illegali legate alla droga in Europa» ricorda Kahrs «Tuttavia, si è rivelato che non ero preparato per la realtà sul terreno. Non ero a conoscenza del fatto che la Kfor non stava facendo il suo lavoro. Siamo stati codardi, perché abbiamo lasciato che l’Uçk diventasse prima il Corpo di protezione del Kosovo e poi il corpo di polizia del Kosovo. In questo modo, gli elementi criminali hanno ottenuto uno status legittimo nelle istituzioni del Kosovo».

«Il passato è venuto a trovarmi nel febbraio 2011. Ho visto le condizioni disperate dei richiedenti asilo in Norvegia, serbi espulsi dalla stessa Norvegia – dice Kahrs. – Nel centro profughi nei pressi di Belgrado ho incontrato le sorelle Labudu, Anna e Maria Maslovarić che con le loro famiglie hanno dovuto abbandonare il Kosovo nel 1999 perché la Kfor non è riuscita a proteggerli dalle rappresaglie albanesi. Ho pianto e sofferto. E’ stata la scintilla che mi ha spinto ad agire e, come ex ufficiale della NATO, a chiedere scusa al popolo serbo, perché non siamo stati in grado di proteggere i serbi e altre minoranze in Kosovo».

«La sensazione più terribile l’ho avuta il 16 febbraio 2001 quando una bomba nell’autobus ha ucciso 11 serbi vicino a Podujevo, tra cui un bambino di due anni» – ha proseguito Kahrs. «Dopo il Kosovo sono andato a Belgrado e sono rimasto scioccato dalla calorosa accoglienza della gente … nonostante il mio Paese avesse partecipato ai bombardamenti della NATO. Un calore del genere che mai avevo ricevuto dagli albanesi».

Il gesto di Christian Kahrs ha incuriosito tanti così che ha dovuto aprire una nuova pagina sul Facebook http://www.facebook.com/KristianKahrs

Dopo aver ospitato sulle barricate il norvegese Kas, i serbi che protestavano sulle barricate hanno dovuto andarsene in seguito all’arrivo di Kfor e allo smantellamento dei blocchi nei pressi Brnjak. Una nuova barricata è stata comunque allestita poco lontano.

«Temo che l’azione della Kfor sia andata oltre» ha dichiarato Oliver Ivanovic The Segretario di Stato Serbo per il Kosovo all’agenzia Tanjug «e potrebbe causare un grave incidente diplomatico. Ho paura che questo servirà solo a rafforzare le barricate in tutto il nord del Kosovo. Questa azione è inutile e può solo produrre nuove tensioni».

[guarda il video]

[leggi la lettera di Kristian Kahrs]

Naša obaveza po Rezoluciji 1244 i Vojno-tehničkom sporazumu bila je da zaštimo Srbe od odmazde Albanaca, ali smo u tome potpuno omanuli – kaže Kaš za “Novosti”. – Za vreme dok smo bili odgovorni za sigurnost na Kosovu, odavde je etnički očišćeno oko 250.000 Srba i drugih nealbanaca. Zato, kao bivši oficir Kfora osećam obavezu da se izvinim.

Kaš kaže da je pre dolaska na teren proveo mnogo vremena učeći o Kosmetu na Norveškom institutu za međunarodne poslove:

– Moj mentor mi je još tada govorio da je bombardovanje Jugoslavije bila katastrofalna greška i da albanska mafija vodi najveće poslove s narkoticima u Evropi – seća se Kaš. – Ipak, pokazalo se da nisam bio dovoljno spreman za realnost na terenu. Nisam bio svestan da Kfor u stvari ne radi svoj posao. Mi smo bili kukavice jer smo dozvolili da se OVK pretvori u Zaštitni korpus Kosova i kasnije u Kosovsku policiju. Na taj način su kriminalni elementi dobili legitimni status u kosovskim institucijama.

Prošlost  mi je stigla na naplatu u februaru 2011. Tada sam video očajne uslove u kojima žive srpski azilanti koje je Norveška proterala – kaže Kaš. – U kolektivnom centru kraj Beograda upoznao sestre Labudu, Anu i Mariju Maslovarić koje su s porodicama morale da pobegnu sa Kosova 1999. jer ih Kfor nije zaštitio od odmazde Albanaca. Plakao sam i doživeo intenzivnu psihičku posttraumatsku reakciju. To je bio okidač koji me je pokrenuo da delujem i da se kao bivši NATO oficir, izvinim narodu u Srbiji jer nismo bili u stanju da zaštitimo Srbe i druge manjine na Kosovu.

– Najstrašniji osećaj imao sam 16. februara 2001. kad je u albanska bomba u autobusu ispred Podujeva ubila 11 Srba, uključujući i dečaka od dve godine – kaže Kaš. – Posle Kosova otišao sam u Beograd i šokirao se toplim prijemom ljudi iako je moja zemlja učestvovala u NATO bombardovanju. Tako nešto nikada nisam doživeo kod Albanaca.

Kaš se posle izveštavanja sa više svetskih ratišta vratio u Norvešku. Sve vreme, kaže, “osećao je potrebu da se vrati u Srbiju, koju je počeo da smatra drugom domovinom.

Kristijanov gest zaintrigirao je mnoge, pa je on sada ima jedan dodatni „problem“: Naime veliki broj ljudi na Fejsbuku je poslalo zahtev da budu prijatelji. Zato je on postavio novu stranicuhttp://www.facebook.com/KristianKahrs za sve njih.

I dok su srbi na barikadama ugostili Kosa morali su i da se pomere sa istih jer je Kfor oko 16 casova uklonio barikadu kod Brnjaka. Srbi su ubrzo utvrdili novu barikadu koja se nalazi nedaleko od pređašnje.

-Bojim se da je Kfor u današnjoj akciji prešao preko administrativne linije, -kaže Oliver Ivanović i dodaje- da bi to moglo izazvati ozbiljan diplomatski incident.Plašim se da će to samo dovesti do ojačavanja barikada na celom severnom Kosovu. Ova akcija je  nepotrabna i može samo proizvesti nove tenzije-prenosi Tanjug.

[watch the video]

[read the letter by Kristian Kahrs]

Leave a Reply

Footer