Dialogo tra Belgrado e PristinaNASTAVAK DIJALOGA BEOGRADA I PRIŠTINE

Il dialogo tra Belgrado e Pristina, il quale è stato avviato a marzo a Bruxelles sotto il patrocinio dell’Unione europea, continuerà il 2 settembre. Uno dei temi dominanti sarà il sigillo doganale. È stato annunciato che saranno discusse anche le qustioni legate ai catasti e le telecomunicazioni. Forse saranno esaminate anche le questioni che riguardano la corrente elettrica e i diplomi universitari.

Le trattative tra la delegazione serba, gudata da Borislav Stefanovic, e quella di Pristina, a capo della quale si trova Edita Tahiri, sono iniziate a marzo. Fino al luglio, quando sono state interrotte, nell’ordine del giorno si trovavano le anagrafi, i catasti, il traffico aereo, le telecomunicazioni, il sigillo doganale e la presidenza di turno della Cefta. I primi accordi sono stati raggiunti nella quinta round delle trattative, la quale è stata tenuta a inizio luglio. Essi riguardavano la libertà di movimento, le anagrafi e parzialmente anche il risonoscimento dei diplomi. I colloqui fissati per il 20 luglio sono stati rinviati a settemnbre, su richiesta del mediatore dell’Unione europea Robert Coper. In quella round dovevano essere discussi l’erogazione dell’energia elettrica, Telekom, i catasti e i sigilli doganali.

Sebbene le due delegazioni nel prosieguo dei negoziati discuteranno gli stessi temi, le circostanze in cui essi si terranno saranno differenti sotto molti punti di vista, a causa delle misure unilaterali che Pristina ha intrapreso nel frattempo: il divieto del commercio con la Serbia centrale, il tentativo delle unità specali della polizia di impossessarsi dei valichi doganali Jarinje e Brnjak, le esercitazioni militari delle unità speciali nel nord del Kosovo. Queste mosse di Pristina hanno creato le nuove tensioni in Kosovo ed hanno provocato preoccupazione della popolazione serba, i rappresentanti della quale si sono rivolti al segretario generale delle Nazioni Unite. „I colloqui non saranno semplici. Dovremo affrontare anche questa volta i tentativi di Pristina di assicurarsi la conferma della cosiddetta indipendenza del Kosovo. Siamo convinti che la norma che regolerà l’uso del sigillo doganale sia in linea con la Risoluzione 1244 e  che essa darà campo libero al commercio tra la Serbia centrale e la sua regione meridionale. Questa norma sarà a vantaggio dei cittadini serbi e le loro ditte in Kosovo, perché annullerà la decisione unilaterale di Pistina di bloccare lo scambio commerciale con la Serbia centrale. I sigilli e la documentazione doganale dovranno rimanere neutrali per quanto riguarda lo status del Kosovo, ha detto Stefanovic. Le soluzioni trovate non metteranno in questione la sovranità serba in Kosovo e renderanno meno difficile la vita quotidiana dei nostri cittadini. A prescindere dalle provocazioni e le mosse unilaterali di Pristina Belgrado continuerà ad essere un partner costruttivo e credibile, disposto a risolvere i problemi in Kosovo, ha dichiarato il capo della delegazione serba Borislav Stefanovic.

Il Ministro degli Esteri della Serbia Vuk Jeremic ha espresso il rammarico perché il Consiglio di sicurezza, alla riunione che è stata dedicata al Kosovo, non ha approvato la dichiarazione presidenziale formulata dalla Russia, nella quale sono state condannate le mosse unilaterali di Pristina. Nonostante questo il dialogo deve continuare, ha dichiarato Jeremic. Il fatto che le mosee unilaterali di Pristina non sono state condannate dal Consiglio di sicurezza ha incoraggiato la delegazione albanese alla vigilia del prosieguo delle trattative, ha detto la direttrice dell’Ufficio serbo per la collaborazione con i media Milivoja Mihajlovic. Se a tutto questo si aggiungono le nuove condizioni che sono state poste  per la continuazione del processo dell’adesione della Serbia all’Unione europea, le quali riguardano proprio la sua regione meridionale e rendono la sua posizione più difficie, si deve porre il quesito se Pristina dimostrerà un atteggiamento cosruttivo durante il dialogo e se sarà disposta a un compromesso. La nuova round delle trattative darà la risposta a questo quesito.

 

fonte: Radio SerbiaDijalog Beograda i Prištine, koji je pod pokroviteljstvom Evropske unije počeo u martu u Briselu, biće nastavljen u petak, 2. septembra, a jedna od glavnih tema biće carinski pečat. Kako je najavljeno, trebalo bi da se razgovara i o katastru i telekomunikacijama, a moguće je da teme budu i pitanja električne energije i univerzitetskih diploma.

Razgovori beogradskog tima, na čelu sa Borislavom Stefanovićem, i prištinskog, predvođenog Editom Tahiri, počeli su u martu i do jula, kada su prekinuti, na dnevnom redu bili su matične knjige, katastar, aviosaobraćaj, telekomunikacije, carinski pečati i predsedavanje Ceftom. Prvi dogovori postignuti su u petoj rundi razgovora, koja je održana početkom jula. Oni su se odnosili na slobodu kretanja, matične knjige i delimično na priznavanje diploma. Razgovor zakazan za 20. jul odložen je za septembar na zahtev posrednika Evropske unije Roberta Kupera. Tada je trebalo da se razgovara o električnoj energiji, Telekomu, katastru i o carinskim pečatima.

Iako beogradski i prištinski tim u nastavku dijaloga, 2. septembra u Briselu, čekaju iste teme, situacija u kojoj će se razgovori voditi je, po mnogo čemu, drugačija, pre svega, zbog jednostranih poteza koje je u međuvremenu preduzela Priština: zabrana ulaska robe iz centralne Srbije na Kosmet, pokušaj specijalnih jedinica kosovske policije ROSU da nasilno zauzmu administrativne prelaze Jarinje i Brnjak, navodna vežba istih snaga na severu pokrajine… Takvi potezi Prištine uneli su nove tenzije u ionako osetljivu situaciju na Kosovu i Metohiji i izazvale dodatnu zabrinutost Srba za bezbednost, zbog čega su se obraćali i generalnom sekretaru Ujedinjenih nacija.

“Razgovori neće biti jednostavni – i dalje ćemo se suočavati sa pokušajima Prištine da dobije potvrdu za svoju takozvanu nezavisnost”, ističe šef beogradskog tima Borislav Stefanović. On je izrazio očekivanje da će pitanje carinskog pečata biti rešeno u skladu sa stavom Unmika i Rezolucijom 1244, odnosno da pečat i propratna dokumentacija moraju biti statusno neutralni. Stefanović očekuje rešenja koja će omogućiti očuvanje suvereniteta Srbije i promet robe koji će za građane Kosmeta značiti normalan život i snabdevanje, a preduzećima nesmetani rad i proizvodnju.

Bez obzira na provokacije i jednostrane poteze Prištine Beograd će, kako ističe Stefanović, i dalje biti konstruktivan i kredibilan partner koji želi da rešava probleme na Kosovu i Metohiji. Ministar spoljnih poslova Vuk Jeremić, izražavajući razočarenje Srbije zbog toga što Savet bezbednosti UN na sednici o Kosovu i Metohiji nije usvojio predsedničko saopštenje kojim bi osudio jednostrane akte Prištine, takođe je ukazao na neophodnost nastavka dijaloga. Izostanak osude jednostranih poteza privremenih kosovskih institucija daje “vetar u leđa” prištinskom timu uoči dijaloga, ocena je direktora Kancelarije Vlade Srbije za saradnju sa medijima Milivoja Mihajlovića. Ako se tome dodaju i novi zahtevi Srbiji za priključenje Evropskoj uniji, koji su vezani upravo za južnu srpsku pokrajinu, što dodatno otežava poziciju Srbije – postavlja se pitanje koliko će, uz taj dodatni “vetar u jedra”, Priština biti konstruktivna i spremna za kompromise? Nastavak razgovora u petak u Briselu će to pokazati.

Footer